L’associata Italferr, con Salini-Impregilo e Fincantieri per la ricostruzione del Ponte di Genova; all’associata RINA Consulting il project management e il supporto

19/12/2018

Il Commissario straordinario per la ricostruzione del viadotto Polcevera dell'Autostrada A10 Marco Bucci ha pubblicato con il decreto n. 19 del 18 dicembre 2018 ("Affidamento dell'appalto pubblico dei lavori per la realizzazione, in estrema urgenza, di tutte le opere di costruzione necessarie al ripristino strutturale e funzionale del Viadotto Polcevera in Genova") ha reso noto che è stato aggiudicato a Salini-Impregilo, Fincantieri e all'associata OICE Italferr l'appalto di tutte le opere di costruzione necessarie al ripristino strutturale e funzionale del Viadotto Polcevera in Genova, come da specifiche tecniche approvate con decreto n. 5 del 15 novembre 2018. Il corrispettivo "a corpo, tutto compreso e nulla escluso, fisso e immutabile", è pari ad euro 202.000.000 (duecentodue milioni) al netto dell'I.V.A.
In precedenza, con il decreto n. 13 era stato affidato all'associata Rina Consulting - per l'importo di 14 milioni di euro - l'incarico per i servizi di project & construction management (e quality assurance) legati alla demolizione e ricostruzione del ponte. Si tratta, nel dettaglio, dell'incarico di "coordinamento progettuale, direzione lavori, controllo qualità e supporto alla struttura commissariale" nella fase dell'appalto e nella fase dei lavori per demolizione e ricostruzione.
Il Commissario Bucci nella conferenza stampa di annuncio dell'aggiudicazione ha affermato: "ha partecipato alla gara l'eccellenza italiana e straniera con progetti di altissimo livello, li ringraziamo tutti. Abbiamo chiesto a Renzo Piano di partecipare a tutto il progetto come supervisore tecnico. Si affiancherà al team per garantire la massima qualità".
Con il decreto n. 19 è stata disposta l'anticipata esecuzione delle attività propedeutiche di indagine, progettazione, bonifica bellica, aree e piste di cantiere e risoluzione delle interferenze, nonché quelle di coordinamento e interfaccia con l'appalto di demolizione, subordinando l'operatività di tale clausola alla sottoscrizione per accettazione da parte degli operatori economici aggiudicatari.
Nel decreto si legge che "la proposta delle tre imprese aggiudicatarie, ispirata all'idea dell'Architetto Renzo Piano, presenta le seguenti caratteristiche di rilievo:

  • estetica e progettualità derivate dalla storia - immagine di Genova, città di mare, in ragione della forma delle pile e dell'impalcato, che rispettivamente richiamano la prua e la sezione di una nave;
  • ponte appoggiato su pile, nel rispetto della sensazione di avversione psicologica maturata in città dopo il crollo del "ponte Morandi" nei confronti di altre tipologie di ponti con parti sospese o strallate;
  • struttura mista in acciaio con pile in cemento armato, che consentono di coniugare l'alta qualità dei materiali con la necessaria durabilità dell'infrastruttura;
  • modalità esecutive di particolare agevolezza connesse alla scelta di realizzare le pile in cemento armato, pur mantenendo le caratteristiche architettoniche di pregio;
  • conseguente riduzione dei tempi di realizzazione dell'opera in prospettiva del recupero della competitività del sistema economico locale e nazionale;
  • dimensione economica favorevole;
  • riduzione delle interferenze con le infrastrutture e i sotto servizi presenti grazie alla manifestata disponibilità ad una nuova calibrazione del tracciato e delle pile, in coordinamento con i lavori di demolizione;
  • dimensione ed affidabilità delle aziende coinvolte." (A.M.)

 

Come costituire una società
Guida rapida d'orientamento
Piattaforma Referenze Associati
Marketing e collaborazione per gli Associati OICE
Perché e come iscriversi a OICE Audizione OICE al Senato
sulla Riforma del Codice
Partner tecnici OICE

Ultimi aggiornamenti

2018 Foreign Report 2018 Report on the Foreign Activities of Italian Engineering, Architectural and Consultancy Companies 34a rilevazione OICE Rilevazione annuale sul settore delle società italiane di ingegneria - consuntivo 2017, previsioni 2018 Future Trends - le tendenze che rivoluzioneranno l'industria globale L'OICE e il BIM (Building Information Modelling) Informazioni, eventi e documenti dall'OICE e da altre fonti Smart City: uno strumento per le Comunità Intelligenti Codice dei contratti pubblici e linee guida ANAC Il Logo OICE Riservato agli Associati - Policy di utilizzo Internazionalizzazione OICE Programma 2018 - Proiezione 2019 Osservatorio Oice/Informatel Le gare del mese di ingegneria, architettura e PPP Convenzione OICE-Lloyd’s con AEC per R.C. Professionale Agevolazioni ai Giovani per l’iscrizione all’OICE Recruitment Curriculum di specialisti italiani e stranieri e richieste di società Associate Oice Convegni e seminari OICE
Cerca nel sito