3° Forum internazionale OICE sul BIM: grande successo di pubblico e di interesse

26/6/2018

Il 13 giugno, a Roma, si è svolto con grande e positivo riscontro da parte del numeroso pubblico presente, il terzo Forum internazionale OICE dal titolo "Il BIM dalla progettazione alla gestione dell'opera" alla presenza di importanti relatori internazionali e nazionali di committenze e di operatori pubblici e privati.
Il presidente OICE Gabriele Scicolone ha aperto il convegno ricordando che "il nostro Forum si contraddistingue, da tre anni ormai, per la presenza delle esperienze internazionali, così importante per capire dove siamo in confronto ai paesi con i quali maggiormente ci confrontiamo. Dal dibattito si è percepito il significativo grado di maturazione che il sistema della filiera delle costruzioni in Italia ha fatto negli ultimi anni. Sembra che siamo usciti finalmente dalla fase degli interrogativi per entrare in quello delle risposte."
Successivamente l'ing. Antonio Vettese, consigliere OICE per la digitalizzazione e il BIM, coordinatore dei lavori e ideatore del Forum OICE di cui cura sin dal primo evento di Milano del 2016 - con il supporto di un gruppo di lavoro OICE composto dai consiglieri Francesca Federzoni e Fabrizio Ranucci - i profili scientifici e la contestualizzazione dei contenuti nel panorama internazionale BIM, ha avuto modo di fare presente che "quest'anno l'evento è stato aperto alle tematiche di Committenza (asset Owner) che dovranno sempre più confermarsi driver del processo in una visione allargata al ciclo di vita del progetto come testimoniano i progressi già misurabili in vari ambienti nazionali ed internazionali".
Tra gli ospiti stranieri il primo ad intervenire, nella sessione sulla gestione dei patrimoni immobiliari, è stato Russ Manning della Penn State University che ha evidenziato i punti principali da seguire per un corretto utilizzo del BIM: implementare il Bim con il coinvolgimento del rappresentante degli utenti finali destinatari del bene e di tutti gli operatori della (progettazione, costruzione , gestione e manutenzione ) in uno sforzo di miglioramento costante della qualità delle informazioni a beneficio dei processi decisionali e degli esiti attesi.
Di particolare interesse anche l'intervento di Davide Petroni Albertini (direttore generale Risanamento Spa), il quale ha sostenuto che, "nell'evoluzione richiesta agli asset dalle nuove modalità di utilizzo che emergono nel mercato, la digitalizzazione è uno strumento efficace per adeguare le risposte". Secondo Albertini "il BIM se ben utilizzato mette insieme la filiera", e rende possibile il coordinamento di tutti i soggetti all'interno del progetto (il team multidisciplinare)" e lo sviluppo di informazioni strutturate di buon riferimento.
Nella sessione dedicata alle infrastrutture è stato Ross Dentten (Asset information and Configuration Manager) a presentare il progetto sul Crossrail (progetto contenente 40 stazioni ferroviarie e il cui budget ammonta a 15 mld di sterline). Dentten ha svolto il suo intervento dando evidenza dell' organizzazione delle informazioni come "intelligenza di ogni elemento dell'asset breakdown structure, accresciuta dalla fase di progettazione a quella finale di manutenzione e gestione", sottolineando fra le altre cose come sia importante curare la gestione degli Asset cioè comprendere la suddivisione e la classificazione degli Asset per arrivare ad una strategia di gestione degli Asset allineata con tutti i diversi componenti".
E' stata poi Italferr, golden sponsor dell'evento, ad intervenire per presentare e illustrare i contenuti della pubblicazione "Innovare per Progettare il Futuro - Primo Libro Bianco sul Building Information Modeling 2018", con gli interventi dell'amministratore delegato e direttore generale Carlo Carganico e del presidente della società, Riccardo Monti. Per Carganico "siamo stati fin dall'inizio promotori nell'uso del Bim per le attività di progettazione di infrastrutture complesse e questo ci ha consentito di aumentare la nostra competitività in Europa e nel mondo". Il libro bianco costituito da 215 pagine, accoglie inoltre interventi di Renato Mazzoncini, Ferruccio Resta, Pietro Baratono, Luigi Camillo Maria Ciribini, Edoardo Cosenza, Anna Osello, Antonio Vettese, Giuseppe Di Giuda e contiene l'esperienza sul Bim maturata finora dalla società, con un dettaglio sui principali progetti e la condivisione di riflessioni interne e scelte strategiche.
Sempre per Italferr, Andrea Nardinocchi (direttore tecnico) si è soffermato sulle potenzialità del BIM nei prossimi 10 anni; Daniela Aprea (BIM Manager) ha illustrato il BIM applicato ai cicli di vita delle Infrastrutture; Rosario Ferro (responsabile gestione costruzioni) ha illustrato la gestione del cantiere BIM Oriented; Federica Santini (direttore Strategie di innovazione) ha spiegato i contenuti del piano decennale per l'innovazione, da qui al 2028 che "riguarderà tutte le società del gruppo" e produrrà "il 20% ai ricavi di Italferr".
Il responsabile della direzione Approvvigionamenti e controlli di italferr e consigliere OICE, Fabrizio Ranucci ha annunciato la prossima pubblicazione di Italferr di una gara rivolta alle sole imprese specializzate nella progettazione in BIM. Si tratta di una procedura a inviti per il supporto alla modellazione in 3D per sistemi e fabbricati tecnologici, con lo strumento dell'accordo quadro. L'importo della gara sarà compreso tra i 200mila e i 400mila euro. Ranucci ha anche ricordato come Italferr un anno fa abbia costituito a maggio 2017, un apposito albo di società in grado di gestire progettazione in Bim per Italferr. All'Albo - che prevede otto diverse categorie (A, F, FE, G, HV, M, NP, O2) e sei classi di importo (da 50mila euro a oltre il milione di euro) - sono finora iscritte 15 società. Tale procedura rappresenta per Italferr il primo passo concreto verso la conversione al BIM e alla cultura del common data enviroment. L'Obiettivo, ha sostenuto Ranucci, è quello di trasferire progressivamente dal sistema tradizionale alla gestione in BIM tutti i bandi di servizi a supporto dell'ingegneria, che valgono tra i 20 e 25 milioni l'anno. La società ha inoltre annunciato che la strategia BIM sarà meglio illustrata in un workshop di prossima programmazione.
Successivamente Helle Gaub, responsabile del processi di costruzione e vice direttore dell'ospedale universitario di Koge, in Danimarca, ha illustrato i progetti ospedalieri già conclusi: Ospedali Zaland, University Hospital, Special Hospital, Hospital Halbacka ecc. Per Helle, che ha portato il punto di vista dell'utenza finale dell'asset ospedaliero con particolare riguardo ai benefici derivanti dall'impiego del BIM nel rispondere alla domanda degli utenti il BIM "non è un sistema che cambia qualcosa ma è un sistema che consente di partecipare al Game Charger".
Nel pomeriggio sono state presentate le relazioni delle principali case di software (Allplan, Autodesk, Bentley e Graphisoft, main sponsor del Forum) e, nella sessione dedicata alle esperienze delle società di ingegneria, sono stati illustrati i contenuti di importanti progetti realizzati da: Lotti Ingegneria (progetto per la riabilitazione strade nazionale RN1 e Gibuti), Net engineering (metodologia BIM nel programma di interventi infrastrutturali SFMR), e Pro Iter (progetto del nuovo porto turistico di Ventimiglia, nonché una relazione di Politecnica (BEP - BIM Execution Plan - nella formulazione delle offerte nelle gare di progettazione) e una relazione di Icmq sulla certificazione dei sistemi di gestione.
In chiusura è stato il Vice Presidente Oice, Maurizio Boi, a svolgere una relazione di prospettiva sui future trends dell'ingegneria e dell'architettura a livello internazionale. (M.C.M.)

 

Rassegna stampa

Come costituire una società
Guida rapida d'orientamento
Piattaforma Referenze Associati
Marketing e collaborazione per gli Associati OICE
Come associarsi
Partner tecnici OICE

Ultimi aggiornamenti

34a rilevazione OICE Rilevazione annuale sul settore delle società italiane di ingegneria - consuntivo 2017, previsioni 2018 Calendario webinar BIM 2018 delle software house partner OICE Organizzate dai nostri partner tecnici Allplan, Autodesk, Bentley, Graphisoft Future Trends - le tendenze che rivoluzioneranno l'industria globale L'OICE e il BIM (Building Information Modelling) Informazioni, eventi e documenti dall'OICE e da altre fonti Smart City: uno strumento per le Comunità Intelligenti Codice dei contratti pubblici e linee guida ANAC Il Logo OICE Riservato agli Associati - Policy di utilizzo Internazionalizzazione OICE Programma 2018 Osservatorio Oice/Informatel Le gare del mese di ingegneria, architettura e PPP Convenzione OICE-Lloyd’s con AEC per R.C. Professionale Agevolazioni ai Giovani per l’iscrizione all’OICE Recruitment Curriculum di specialisti italiani e stranieri e richieste di società Associate Oice Convegni e seminari OICE
Cerca nel sito