Comunicati stampa Gli Organi dell'Associazione

Ultime Notizie

Progetto OICE 2014 per
l'internazionalizzazione Le iniziative per i mercati esteri
Codice dei contratti pubblici aggiornato Regolamento del Codice dei contratti pubblici aggiornato Riforma degli appalti pubblici: le proposte OICE Le proposte OICE per il rilancio del settore
Più mercato e più centralità del progetto
Rilevazione annuale OICE Report sulle società di ingegneria e architettura
Consuntivo 2013 - Previsioni 2014
Convenzione OICE-Lloyd’s per RC profess. e polizza Merloni Osservatorio Oice/Informatel Le gare del mese di ingegneria, architettura e PPP Agevolazioni per giovani Soci Incentivi per l’iscrizione all’OICE Recruitment Curriculum di specialisti italiani e stranieri e richieste di società Associate Oice Convegni e seminari OICE Osservatorio sul calcestruzzo del Cons. Superiore dei LL. PP. Libro: “IN CERCA DI EROI. Una storia dell’ingegneria italiana” Confindustria
Cerca nel sito

D.L. 63/2013: oneri e sanzioni per il direttore lavori in materia di qualificazione e attestazione energetica

11/6/2013

Nel decreto-legge del 4 giugno 2013 n. 63 recante disposizioni urgenti per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell'edilizia per la definizione delle procedure d'infrazione avviate dalla Commissione europea, nonché altre disposizioni in materia di coesione sociale, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 130 del 5 giugno 2013I, sono contenute alcune disposizioni riguardanti il ruolo dei professionisti e dei direttori dei lavori.
In particolare il nuovo articolo 15 del decreto legislativo 192/2005, contenuto nell'articolo 12 del decreto-legge entrato in vigore il 6 giugno, prevede, fra le altre cose, che "Il direttore dei lavori che omette di presentare al comune l'asseverazione di conformità delle opere e l'attestato di qualificazione energetica, di cui all'articolo 8, comma 2, contestualmente alla dichiarazione di fine lavori, e' punito con la sanzione amministrativa non inferiore a 1000 euro e non superiore a 6000 euro. Il comune che applica la sanzione deve darne comunicazione all'ordine o al collegio professionale competente per i provvedimenti disciplinari conseguenti.". (A.M.)

Credits callipigia