Comunicati stampa OICE Temi&Notizie Gli Organi dell'Associazione

Ultime Notizie

Codice dei contratti pubblici aggiornato Presentata la Rilevazione annuale OICE-CER 2013-2014 Il mercato dei servizi di ingegneria e architettura
Consuntivo 2013 - Previsioni 2014
Rinnovata per il 2014 la Convenzione Quadro RC Professionale Lloyd’s-OICE Confindustria
Regolamento del Codice dei contratti pubblici aggiornato Nuovo Statuto OICE e relativi Regolamenti Mercato regionale dei servizi Il mercato pubblico regionale dei servizi di ingegneria e architettura dal 2009 al 2013 Le proposte OICE per il rilancio del settore Più mercato e più centralità del progetto Libro: “IN CERCA DI EROI. Una storia dell’ingegneria italiana” Documento Confindustria: "Crescere si può, si deve" Accordo di collaborazione tra OICE e l'omologa egiziana ECEF OICE “GRUPPO GIOVANI” Agevolazioni ai giovani per l’iscrizione all’OICE Osservatorio sul calcestruzzo del Cons. Superiore dei LL. PP. Corsi e seminari ANIMP-OICE
Cerca nel sito

Incontro del Gruppo OICE Ambiente con rappresentanti della Commissione VIA-VAS del Ministero Ambiente: resoconto e documentazione

28/5/2012

Nell'ambito degli incontri promossi dal gruppo OICE Ambiente, lo scorso mercoledì 23 maggio si è tenuto a Roma presso Confindustria l'incontro con la Commissione VIA-VAS del Ministero dell'Ambiente.

Per la Commissione erano presenti il Presidente, ing. Guido Monteforte Specchi, l'arch. Maria Fernanda Stagno d'Alcontres, Coordinatrice della Sottocommissione VIA Speciale, il dott. Gualtiero Bellomo, Componente del Comitato di Coordinamento della Commissione.

Introducendo la mattinata la dott.ssa Patrizia Vianello, Consigliere OICE responsabile per l'Ambiente, ha ringraziato il Presidente Monteforte Specchi e gli altri membri della Commissione per aver accettato l'invito ed ha auspicato come l'incontro di oggi possa essere la prima di altre occasioni di confronto e scambio tra le società di ingegneria ambientale e la Commissione Nazionale. "Obiettivo di OICE è far crescere la cultura dell'ingegneria ambientale italiana, in un mercato che ancora oggi tende a considerare come accessorie e subordinate le nostre attività professionali. Lo sviluppo delle attività di progetto devono vedere fin da subito presenti le nostre professionalità, solo così potrà affermarsi un mercato maturo dell'ingegneria ambientale e favorire la realizzazione di progetti con le caratteristiche della sostenibilità ambientale."

Il Presidente Monteforte Specchi nel suo intervento ha illustrato il modello organizzativo della Commissione nelle tre Sottocommissioni: Ordinaria, VIA Speciale e VAS, ed ha dato conto del lavoro fatto dalla Commissione nel triennio 2008/2011; lavoro peraltro rallentato dal numero elevato di provvedimenti non conclusi ereditato dalla precedente Commissione. Nel triennio 2008/2011 sono stati complessivamente 697 i provvedimenti portati a conclusione (556 di VIA ordinaria, 103 di VIA speciale, 38 di VAS). Un'accelerazione del lavoro significativa se misurata con gli anni precedenti. Le slides in allegato che il Presidente Monteforte Specchi ha presentato danno conto del dettaglio del lavoro ed anche della suddivisione per settori di mercato.

L'arch. Maria Fernanda Stagno d'Alcontres, Coordinatrice della Sottocommissione VIA Speciale, in un articolato e molto apprezzato intervento, ha teso soprattutto a dare conto del maggiore impegno, vista la complessità dei progetti esaminati da parte della Commissione Speciale. "Complessivamente siamo riusciti a portare a conclusione un maggior numero di procedimenti, ma ci sono ancora ritardi che potrebbero essere superati con una migliore integrazione tra i Ministeri competenti e l'adozione di procedure più snelle." L'arch. d'Alcontres ha anche annunciato il lavoro che la Commissione sta facendo sulle nuove Linee Guida attuative che conterranno alcune significative novità con l'obiettivo principale di introdurre norme che garantiscano una chiara distinzione tra chi decide e chi rende pareri. (Nelle slides allegate i numeri e l'articolazione dell'intervento).

Al dott. Bellomo l'intervento più di dettaglio; nella relazione ha infatti illustrato criticità e positività dei procedimenti che arrivano all'attenzione della Commissione.
In generale il SIA risulta spesso carente per le componenti, vegetazione, fauna, paesaggistiche ecc. mentre risultano più soddisfacenti e più curate le parti emissioni atmosferiche, rumore, acqua. Bellomo ha evidenziato come spesso i Piani di Monitoraggio Ambientale non siano calati nella situazione contingente dove se ne prevede l'attuazione ma siano "dati di letteratura. "Il PMA è un aspetto fondamentale della VIA, è necessario che anche per gli interventi in VIA ordinaria siano previsti monitoraggi e controlli in fase di attuazione per evitare situazioni in cui gli interventi previsti in fase di progetto e le attività effettivamente realizzate risultino totalmente difformi".

Qualificata e numerosa la partecipazione che ha visto la presenza di circa 40 persone, di cui alcune appartenenti a società non iscritte all'OICE, che al termine degli interventi hanno dato vita ad un interessante dibattito di domande e risposte; utile per capire la situazione attuale ma anche i futuri indirizzi che sta assumendo la Commissione.

- Slides Presidente Monteforte Specchi
- Slides arch. Maria Fernanda Stagno d'Alcontres
- Alcune foto dell'incontro

 

Credits callipigia